Resta in contatto

News

GdM – Camisa: “Il Lecce mi è piaciuto molto per il gioco che ha espresso. La ripresa? Sarà determinante la forza mentale”

L’ex difensore giallorosso parla a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) del Lecce di oggi e celebra poi lo scudetto vinto con la Primavera nel giugno del 2003.

LECCE DI OGGI. «Sono tifoso. Sino al momento della sospensione del campionato, la squadra allenata da Liverani mi è piaciuta molto, per il gioco che ha espresso, per il piglio deciso che ha sempre messo in mostra. Quando il torneo riprenderà, sarà determinante la forza mentale dei singoli e, in quest’ottica, il team giallorosso avrà dalla propria parte l’enorme coesione sempre dimostrata dal gruppo».

Per la prima volta nella propria storia, il 5 giugno 2003, il Lecce si è laureato campione d’Italia Primavera. A centrare il prestigioso traguardo è stato un gruppo composto prevalentemente da calciatori salentini, guidati da Roberto Rizzo. La compagine giallorossa si è fregiata del titolo tricolore, superando in finale l’Inter, per 3-2.

RICORDI DEL MATCH. «L’atto conclusivo della manifestazione è stato sempre in bilico. Sapevamo di dovere affrontare un complesso forte e, per di più, ricco di blasone, ma eravamo anche consapevoli del nostro valore, convinti dei nostri mezzi. Disponevamo di un collettivo che era cresciuto nel corso degli anni e che poteva contare su uno zoccolo duro che si conosceva benissimo».

LA GARA. «Abbiamo fatto centro con Bianco, ma siamo stati raggiunti sull’1-1 ad inizio ripresa. Poi siamo tornati in vantaggio con Mattioli, che già aveva deciso l’esito della semifinale vinta con la Juventus. Allo scadere del tempo regolamentare eravamo avanti per 2-1 ma, al 92′, è arrivata la doccia ghiacciata del nuovo pareggio nerazzurro. Noi, però, volevamo assolutamente conquistare lo scudetto. Abbiamo portato celermente la palla al centro del campo per riprendere il gioco e provare a segnare ancora. Ci siamo riusciti al 95′, con Diarra, ed è esplosa la festa».

TRAGUARDO STORICO. «Grande merito a tutti. Quando si raggiungono simili traguardi significa che ciascuna delle componenti ha saputo dare il meglio. In quegli anni il nostro club vantava un grande settore giovanile. Molti dei ragazzi che ne facevano parte hanno poi militato tra i professionisti, a vari livelli».

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Fai ancora in tempo 😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

avevi le qualità per diventare il miglior difensore della seria a

Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordo una partita...non mi ricordo quale.punizione molto oltre l'angolo sinistro ldell'area avversaria. Dalla tribuna si intravedeva uno spicchio..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Tanti sono i ricordi. I gol ..le sgroppate sulla destra..in particolare ricordo il gol al volo di destro a Cremona. Vincemmo 1-0 e fu una vittoria..."

Anselmo Bislenghi

Ultimo commento: "Nonnogol!"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Mirko, Grande evasore"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News