Resta in contatto

Approfondimenti

Pippo, che fine hai fatto? Il Lecce ha bisogno della fantasia del suo dieci

Dall’infortunio con la Spal in poi l’attaccante mancino giallorosso è sparito dai radar, producendosi in prestazioni mai all’altezza. Liverani non può prescindere dalle sue giocate per la lotta salvezza.

AAA cercasi SuperPippo. Tra lotta catenacciara e bel gioco, sappiamo tutti dove pende l’ago della bilancia di Fabio Liverani. Ciò non vuol dire però, purtroppo, che il Lecce sia squadra da qualità tecniche superiori alle concorrenti. Anzi, in tutta la rosa sono pochi i talenti giallorossi tali da spaccare le partite con le loro giocate e trascinare la squadra, perché no, alla salvezza. Tra tutti, il re della fantasia ha il 10 sulle spalle.

Filippo Falco detiene, più di Saponara e più di Farias, le chiavi di quella qualità di cui, tra cross, assist, dribbling e accelerazioni repentine, un piccolo collettivo come quello di mister Liverani non può fare a meno. E, c’è da dire, l’impatto del Messi di Pulsano con la Serie A, solo leggermente assaporata in precedenza, non è stato devastante, ma quasi.

Non tantissimi gol, ma belli ed importanti. Meglio ha fatto in chiave assist, andando a raggiungere l’acme della sua stagione con la prestazione “alla Maradona” di Napoli, con tanto di cioccolatino offerto a Lapadula. Poi la Spal, l’infortunio, il rientro con l’Atalanta ed il lungo stop. Da lì, Falco non si è più visto.

Assente ingiustificato, nonostante gli ampi spazi a disposizione, con il Milan. Il peggiore nel centroattacco dell’ottimo primo tempo giallorosso con la Juve a Torino. E, soprattutto, il flop nella gara più attesa, quella con la Samp: un cross per Meccariello, un rasoterra agevolmente parato da Audero e poi solo giocate sbagliate. Un paio delle quali hanno anche innescato le ripartenze doriane, tanto da costringere Liverani a sostituirlo.

Nessuno chiede al 10 giallorosso di prendere in braccio il Lecce e di portarlo da solo alla salvezza. E’ chiaro, e superfluo dirlo, che il problema di questa squadra non risieda certo nel mancino del suo fantasista. Ma lo è altrettanto il fatto che proprio per le contenute qualità del collettivo salentino, Falco non può esimersi dal dare l’apporto in fantasia di cui la sua squadra ha bisogno. Il vero Falco non è quello visto nelle ultime tre gare. In un modo o nell’altro (soprattutto sul piano della personalità, poi della condizione), deve tornare ad essere sé stesso, prima che per il Lecce sia troppo tardi.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Male non ha fatto comunque…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ca se scioca sempre…nu tene tiempu mancu bbae allu bagnu beddhru miu 🙄🙄

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Fate i bravi i puntino ve lo diamo domenica seno lambrosc e turtlaun

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Che fine ha fatto?
Chiedetelo al signor Liverani…se uno come Falco deve scendere a centrocampo per prendere il pallone è normale che poi non ce la fa a giocare…
Si è visto l’altra sera, che quando è rimasto un po più avanzato ha fatto qualche bella giocata…
DEVE GIOCARE TRA LE LINEE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Pippo la fatto fuori il
Bologna 🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mi dispiace per loro, ma il Sassuolo deve andare in Europa e non può regalare niente!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Certo Liverani lo fa giocare da punta ….lui non lo é é un trequartista…deve partire da lontano…oppure dall esterno …scusate criticate il mister se mai

franco
franco
1 mese fa

Fosse continuo Pippo non giocherebbe nel Lecce, è questa la sua più grande lacuna.

Advertisement

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ha avuto occasione di dimostrare di essere un grande calciatore che lotta per la maglia. Ha lasciato un bel ricordo e dobbiamo ringraziarlo. Ci..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordo una partita...non mi ricordo quale.punizione molto oltre l'angolo sinistro ldell'area avversaria. Dalla tribuna si intravedeva uno spicchio..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Pedro Pablo.. un grande professionista.. ricordo i suoi gol.. soprattutto quello a Bari su punizione quando mancavano pochi minuti alla fine e..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Tanti sono i ricordi. I gol ..le sgroppate sulla destra..in particolare ricordo il gol al volo di destro a Cremona. Vincemmo 1-0 e fu una vittoria..."

Anselmo Bislenghi

Ultimo commento: "Nonnogol!"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti