Resta in contatto

News

Falco: “La mancata promozione diretta del Lecce? Mi spiace. Nutro affetto per i tifosi, ma nel calcio non si sa tutto”

Filippo Falco, ora in forza alla Stella Rossa, ha parlato a YTalk, affrontando anche temi legati alla formazione giallorossa.

IL TRASFERIMENTO IN SERBIA. “La mia scelta? A gennaio mi è stata data quest’opportunità di andare alla Stella Rossa e avevo pensato fosse il momento di lasciare un po’ l’Italia per fare un’esperienza all’estero. Per una questione di vita, imparare altre culture e conoscere un nuovo calcio. Le mie abitudini qui? Quando sono arrivato a gennaio faceva molto freddo, -6 o -7 gradi tutti i giorni, l’ho sofferto un po’. Da marzo mi sto godendo la città, perché è fantastica, c’è un bel clima e in questi giorni ci sono 30 gradi. In Serbia vivono il calcio molto più serenamente, mentre in Italia ci sono più regole, più ritiri. Qui si vive più serenamente, come bisognerebbe vivere il calcio”.

GIALLOROSSO. “Il Lecce del presente? Mi dispiace che non abbiano centrato la  promozione diretta, mi dispiace per i miei ex compagni di squadra, perché potevano davvero portare il Lecce in Serie A nelle ultime  giornate. Per i tifosi nutro grande effetto, nonostante qualche  critica quando me ne sono andato. Ma nel calcio non si sa sempre tutto, quindi non mi sono lasciato benissimo con loro. Spero davvero  che salgano in Serie A”.

LIVERANI. “L’allenatore che mi ha cambiato? Sicuramente Liverani, perché mi ha fatto crescere sotto tutti i punti di vista. Soprattutto sotto il profilo mentale, mi ha fatto capire l’importanza dell’allenamento e mi ha fatto credere tantissimo in me stesso”.

STANKOVIC. “Chi mi ha convinto a venire a Belgrado? Il mister Dejan Stankovic mi ha chiamato una volta, mi ha spiegato un po’ il progetto e ho detto subito di sì. Diego non lo conoscevo di persona, ci avevo solo giocato contro qualche volta, l’ho sentito una volta ed è stato più facile ambientarmi qui con loro. Stankovic è un grande motivatore, è un ottimo allenatore e credo abbia un grande futuro davanti. Non so se andrà via in estate, sono valutazioni che spettano a lui e alla società. Nel calcio mai dire mai”

Qui l’intero testo, con video, dell’intervista

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Megghiu cu nu parla cinca a parlare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Falco lascia stare, i veri tifosi sono questi,barese puro sangue 😂,lui si che ama il lecce 💛❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Simone anche io avrei fatto lo stesso se non avrei giocato e chi mi sostituiva era inferiore a me.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Falco minate nu parite subbra

Ivan
Ivan
1 mese fa

La vita è fatta di scelte e Falco ha scelto un futuro diverso dove, forse, ha trovato il meglio che cercava. Certo è che la sua decisione nel lasciare Lecce a gennaio, si è rivelata per la squadra fatale, con lui., forse, i giallorossi avrebbero centrata la promozione diretta. Ricordiamolo per quello che di buono ha dato alla società anche se i tifosi non hanno gradito questo distacco repantino.

GIUSEPPE
GIUSEPPE
1 mese fa

Non è degno di nominare Lecce città, squadra, società e tifosi! Professionalità zero! Con lui in squadra avremmo probabilmente vinto il campionato!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Falco è andato via per colpa di Corini..Pettinari lo.ha tenuto fuori per mezzo campionato.. molte cose puzzano

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Frecciatine… Frecciatine

Nanai
Nanai
1 mese fa

Effettivamente il tasso tecnico del campionato serbo è molto elevato(vedi Zuta che si trova benissimo in serie B). Voleva fare un’esperienza estera (anche perché in Italia lo volevano gratis) e la Stella Rossa è l’unica che ha voluto spendere 1 mln a rate e con mille garanzie bancarie con relativa clausola Champions.

Ivan
Ivan
1 mese fa

Auguri per la vittoria del campionato

Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Avevo 17 anni. Andai ai funerali. Nella Chiesa di S.Antonio a Fulgenzio era impossibile entrare. Fuori c'era tutta la città per l'ultimo omaggio...."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Grandissimo Kecco anche come allenatore...non ha la fortuna di altri... però è vero anche che in quella circostanza lo ricordo benissimo il..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "MAZZONE , IL MAESTRO , IL PROFESSORE DEGLI ALLENATORI , DI TUTTI GLI ALLENATORI. Grande educatore, e padre di tutti i ragazzi che ha allenato. Grinta..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "'Grande Beto"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Talentuoso attaccante,anche creativo ed efficace"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da News