Resta in contatto

News

Salernitana, Castori: “In A con il calcio di Klopp, Guardiola e Simeone. Conta solo l’efficacia”

L’allenatore della Salernitana Fabrizio Castori ha parlato della promozione granata in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport.

REALIZZATO. “Sono soddisfatto, realizzato, ma non appagato. Devo dire che la A mi era piaciuta e mi ero detto che ci dovevo tornare. E questo era il posto giusto, anche se la pandemia ha segnato tutta la stagione. Poi non è stato facile perché all’inizio c’è voluto il cambio di mentalità dopo Ventura, c’è voluto un po’ di tempo ma ho sentito da subito la fiducia della proprietà. C’era un clima pesante nei loro confronti, ma le difficoltà devono essere un’opportunità, non un alibi”.

RICETTE. “Per vincere la Serie B bisogna correre molto. La condizione conta con tante partite difficili e ravvicinate. Io ammazzo i miei giocatori, ma le mie squadre finiscono sempre i campionati vincendo. Ho messo dietro tanti giovani? Non me ne frega nulla. Mi aggiorno, ma uno che ha fatto questa carriera non può cambiare le sue convinzioni. Sono arrivato in A vincendo tutte le categorie, vuol dire che le mie idee pagano. A me viene sonno quando vedo squadre che fanno cento passaggi senza mai tirare in porta. Io mi ritengo moderno, faccio il calcio di Klopp, di Simeone, dello stesso Guardiola. Lo ha detto anche Allegri, dunque rifiuto l’etichetta di chi dice che non sono moderno. Il mio è un calcio efficace, per me il passaggio orizzontale in difesa non serve a niente. Il pallone se lo possono portare anche a casa, io mi prendo i 3 punti. Me ne frego delle mode. Il mio punto di riferimento è la velocità con cui si arriva a tirare in porta. Noi siamo organizzatissimi, non ci inventiamo le cose. Per fare questo calcio bisogna correre e tutti gli allenamenti sono studiati”.

SERIE A. “I miei concetti li porterò anche in Serie A. Poi ci sono i giocatori, certo. Bisogna mangiare l’avversario, come fanno ad esempio Verona ed Atalanta. E spero di avere al fianco il nostro pubblico, sono sicuro che lo stadio sarebbe sempre pieno”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News