Resta in contatto

News

GdM – Scavone: “Il Lecce può battere il Venezia e arrivare in finale”

L’ex calciatore giallorosso Manuel Scavone parla a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) della partita in programma stasera.

PARTITA D’ANDATA. «La qualificazione è apertissima. Lecce e Venezia sono due grandi squadre ed hanno le medesime probabilità di conquistare l’ammissione alla finalissima. I lagunari hanno vinto con merito il primo round. L’1-0 dell’andata, però, lascia tutto in bilico, in quanto non costituisce una garanzia per l’undici veneto, né uno scoglio insormontabile per la squadra salentina. Insomma, quelli in programma oggi al Via del Mare saranno 90′ da vivere intensamente. Peccato che sugli spalti non ci saranno i tifosi, che sarebbero stati uno spettacolo nello spettacolo, con il loro calore e con la loro passione».

VENEZIA DI OGGI. «Le due compagini hanno ribadito entrambe di essere forti e quadrate, molto bene organizzate. I lagunari hanno sfruttato bene le proprie armi. Sono stati abili ad imbrigliare la manovra degli avversari, mettendoli sotto pressione e segnando una rete. I salentini, d’altro canto, hanno comunque tenuto botta, hanno sa- puto soffrire. Ripeto, il discorso qualificazione è tutt’altro che chiuso».

VENEZIA OTTIMO COLLETTIVO. «La società veneta ha messo su un buon mix di giovani emergenti e di qualità e di calciatori esperti, grandi professionisti. Il gruppo è ben guidato da mister Zanetti, che è preparato. Si nota la sua mano. Il medesimo discorso, del resto, vale per il Lecce, che pure propone alcuni volti totalmente nuovi per il panorama italiano, accanto a uomini navigati e dalla notevole cifra tecnica, diretti da mister Corini, che ha già vinto la B e che non ha certo bisogno di presentazioni».

CI VORRA’ PAZIENZA. «Ai giallorossi occorreranno nervi saldi e tanta pazienza. D’altro canto, la rosa dei salentini è ricca di atleti che hanno già disputato partita di tale importanza. Sapranno gestire la pressione sempre insita in simili sfide. Determinante sarà il collettivo, ma spesso a decidere una partita dentro o fuori è la giocata del singolo. Tra i giallorossi penso, ad esempio, a Mancosu, Coda, Stepinski, Pettinari o Lucioni».

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News