Resta in contatto

Approfondimenti

Tanti gol fatti da cross e ripartenze, zero da punizioni e corner. Troppi subiti a difesa schierata

Bene anche nelle azioni manovrate e da spunti personali, mentre nel finale si sono impennati i centri presi da fuori. Le statistiche delle 118 reti, tra fatte e subite, della stagione giallorossa.

Esattamente una settimana e un giorno fa si concludeva, con un amaro epilogo, l’altalenante e solo a tratti entusiasmante stagione del Lecce. I tifosi hanno infatti vissuto momenti difficili ma anche respirato a lungo l’aria del possibile ritorno in Serie A, sfumato con il primo caldo e l’arrivo di maggio. Ciò che non sono mancate di certo sono le emozioni e con esse i gol. Ben 118 nella scoppiettante stagione giallorossa tra fatti (69) e subiti (49): noi li abbiamo analizzati uno per uno, e ne è venuta fuori un’interessante analisi statistica.

DESTRO, SINISTRO E TESTA. Nella “lotta” tra piedi, a vincere è stato per ampio di stacco quello più diffuso. Dato statisticamente prevedibile quello che ha portato al netto 43-14, reso ancor più lampante dal fatto che, in casa giallorossa, raramente come quest’anno siano mancati interpreti mancini, con i soli Gallo e Pettinari a concludere da titolari la stagione e un destro, Coda, best scorer di sinistro. Dieci, invece, i gol siglati di testa, con il solito Hispanico specialista e seguito da Stepinski. Basso, in questo senso, l’apporto della difesa.

RIGORI E PUNIZIONI. Rispetto all’anno scorso è mancato il VAR, ma non certo le opportunità di lasciare la propria firma dagli undici metri. Il Lecce ha infatti realizzato 8 reti su calcio di rigore, che sarebbero state ben 12 senza i 4 errori di Coda e Mancosu (due a testa). Malissimo, invece, sotto il profilo dei calci da fermo in generale. I giallorossi non hanno fatto neppure un gol direttamente su punizione, né sugli immediati sviluppi di un corner. I quattro centri da punizione indiretta non bastano affatto a mitigare un dato che di certo non ha giovato alla stagione dei salentini.

MANOVRA, RIPARTENZE E POCHI LANCI. Sorprendente il dato relativo ai gol su cross. Nonostante spesso la formazione di Corini sia stata criticata per non aver saputo sfruttare appieno il gioco sulle fasce, sono stati 17 i centri da traversone. Equilibrio sommario, poi, tra azioni manovrate (15 gol) e ripartenze (13), segno che il Lecce ha saputo grossomodo giostrarsi su entrambi i fronti. Un po’ meno le azioni e spunti personali che hanno portato alla marcatura: undici in totale. Solo una, quella di Pettinari a Venezia, la rete propiziata da un lancio lungo, nella fattispecie partito dal mancino di Pisacane.

TROPPI GOL A DIFESA SCHIERATA. Il dato che emerge maggiormente in relazione alle reti subite fa riferimento alla difesa schierata. In 18 occasioni, nonostante la copertura territoriale “base” della propria area, i giallorossi hanno raccolto il pallone alle spalle del proprio portiere, soprattutto per frutto di errori, tecnici e/o di posizionamento, del singolo. Male anche sui cross, dai quali sono arrivate 15 reti subite, 10 delle quali di testa. Appena cinque le reti subite in ripartenza mentre, soprattutto nel finale di stagione, si è clamorosamente impennato il numero di gol subiti da fuori: otto, ovvero cinque in più di quelli fatti.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marco Piccinno
Marco Piccinno
22 giorni fa

Ciò che andavo predicando da tutta la stagione: zero gol da corner e punizioni, pochi da tiri da fuori. Praticamente se non entravamo in area non si creavano i presupposti per segnare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Il tanto vituperato Filippo Falco forse sarebbe stato decisivo per il salto di categoria ?? Ceduto per un gruzzoletto di noccioline….forse con un adeguamento del contratto sarebbe rimasto… anche perché la verità non è uscita tutta fuori (cit. Filippo Falco)

Maurizio
Maurizio
22 giorni fa

Ce una filosofia nel calcio,sulla quale sono d’accordo ca dice ,prima di farle le reti bisogna soprattutto nn prenderle,,,,tutte le vittorie e grandi allenatori le hanno costruite partendo dalla difesa e nn dimentichiamo limportanza de u centrocampo,quindi se bisogna sacrificare un attaccante di prospettiva per mettere mani alla difesa ben venga l’importante è non puntare su difensori di prospettiva ,,,,alla zuta x interderci.

Stefano
Stefano
22 giorni fa

Difesa da rifondare.Corvino svegliaaaaaaa

Massimo
Massimo
22 giorni fa

È una squadra che può subire reti da un momento all’altro. SPERO CHE BARONI METTA APPOSTO QUESTO GRAVE PROBLEMA. E CON GLI INSERIMENTI GIUSTI.LA SOCIETÀ HA IL DOVERE DI SEGUIRE LE SUE INDICAZIONI SUL MERCATO. FORZA LECCE

RDN
RDN
22 giorni fa

Pensiamo al presente

Vitantonio
Vitantonio
22 giorni fa

18 gol presi con difesa schierata ed errori individuali… alcuni madornali! Hanno pesato tantissimo a fine campionato in termini di punti, cosa c’entra Corini??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Quando una difesa subisce 10 goal da cross e 8 goal da fuori un problema di carattere strutturale c’è…punti pesanti che alla lunga ridimensionano gli errori dal dischetto.

Francesco Arnesano
Francesco Arnesano
22 giorni fa

Oggi ho avuto un’incontro con Pablo, lo vedo molto preoccupato

alex
alex
21 giorni fa

Perchè preoccupato, che significa?

Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Avevo 17 anni. Andai ai funerali. Nella Chiesa di S.Antonio a Fulgenzio era impossibile entrare. Fuori c'era tutta la città per l'ultimo omaggio...."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Grandissimo Kecco anche come allenatore...non ha la fortuna di altri... però è vero anche che in quella circostanza lo ricordo benissimo il..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "MAZZONE , IL MAESTRO , IL PROFESSORE DEGLI ALLENATORI , DI TUTTI GLI ALLENATORI. Grande educatore, e padre di tutti i ragazzi che ha allenato. Grinta..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "'Grande Beto"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Talentuoso attaccante,anche creativo ed efficace"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Approfondimenti