Resta in contatto

News

CdS – Arrigoni: “Ricordi indelebili. Che peccato la Serie A”

andrea arrigoni

Lecce e Cosenza sono le squadre della sua carriera. Andrea Arrigoni ha parlato del suo passato del presente delle due formazioni.

IL PASSATO. “Sono state esperienze importanti. Ho dei ricordi indelebili. Sono convinto che sarà una grande partita, perché il Cosenza sta sorprendendo, loro sono stati ripescati, sono partiti in ritardo eppure stanno a ridosso dei play off, in campo però si vede che ci hanno messo pochissimo per diventare squadra. Il Lecce, come sempre, ha allestito una rosa per puntare al salto di categoria; hanno cambiato tanto in estate ci hanno messo un po’ per trovare l’equilibrio giusto ma adesso hanno cambiato marcia e sono convinto che lotterà fino alla fine per andare su”.

QUANTO CONTA IL VIA DEL MARE? “Tantissimo! Quando le cose vanno bene poi senti quasi fisicamente la spinta che arriva dagli spalti, in particolar modo dalla Curva che è caldissima. Un Via del Mare caldo può fare la differenza anche in termini di punti durante la stagione”.

LE PARTITE PIU’ BELLE. “Con il Cosenza sono maturato tanto e ho avuto il piacere anche di alzare una Coppa Italia in un Barulla tutto esaurito. A Lecce invece sono indimenticabili le gare contro Paganese e Spezia, le due gare promozione, lo stadio dal campo era una bolgia, non avremmo mai potuto perdere quelle gare davanti ad un pubblico così, incredibile”.

CHE GIOCATORE. “Guardo con interesse da un anno la crescita di Hjulmand, sa interpretare alla perfezione un ruolo così delicato. Sfrutta al meglio le sue doti fisiche, sa fare bene entrambe le fasi e poi è abilissimo anche senza palla. Un giocatore importante”.

IN PANCHINA CON MANCOSU. “Oggi sono ancora con la testa nel campo, voglio giocare ancora per tanto mi sento bene e voglio dimostrare, certamente con Marco c’è un rapporto speciale e speriamo che un domani dalle fantasie si passi alla realtà. Con lui c’era un’intesta piuttosto rara da trovare”.

CONTATTI GIALLOROSSI. “Sicuramente Mancosu, con cui ci sentiamo spesso, ma ogni volta che ci vediamo con tutti gli altri è sempre bello perché si formò un gruppo incredibile con cui è rima sto un legame importante”.

RIMPIANTI. “Se così si può chiamare, è quello di non aver fatto parte del gruppo che ha disputato il campionato di Serie A. Io ho sempre dato il massimo per la maglia del Lecce e questo mi permette di dire che non ho rimpianti, ma giocare in A con quei colori sicuramente mi sarebbe piaciuto molto”.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da News