Resta in contatto

Approfondimenti

Baroni ritrova la Reggina: l’anno scorso fu una rimonta entusiasmante

Nella prossima giornata di campionato, il tecnico fiorentino incontrerà la compagine amaranto, presa lo scorso anno a dicembre e condotta ad un campionato quasi ai piedi dei playoff prima di un addio polemico.

Marco Baroni contro il suo passato recentissimo. Sino a pochi mesi fa, il nome dell’ex difensore centrale, tra le altre, di Napoli e Lecce, andava a braccetto con quello della Reggina di Massimo Taibi e del presidente Luca Gallo. I calabresi, tornati in B, chiamarono in corsa Baroni per sostituire l’esonerato Domenico Toscano. Anche se l’esordio di Baroni con la Reggina fu tutt’altro che entusiasmante (1-3 incassato in casa con il Cittadella), dopo due gare il motore riprese a girare e il 27 dicembre 2020 un gol di Bellomo regalò la prima vittoria della gestione Baroni sul campo della Reggiana.

L’allenatore ridisegnò gli amaranto con il 4-2-3-1 e, a gennaio, l’arrivo di Edera permise l’arretramento del propositivo laterale Liotti sulla linea a quattro di difesa. Senza un vero e proprio bomber, i gol arrivarono dagli inserimenti di Folorunsho (6 gol totali), Montalto (6) e dagli esterni Rivas (5, anche se l’honduregno è stato utilizzato anche davanti) più lo steso Liotti (5).

Lo scatto importante verso l’alto della Reggina di Baroni si ebbe dalla 19° alla 25° giornata, con una serie positiva di sette partite senza sconfitte, con soli quattro gol subiti da Nicolas, altro perno del rafforzamento invernale. La Reggina s’allontanò dalla zona calda della classifica e, con una buona solidità, nel finale si cercò anche a puntare all’impresa aggancio playoff. L’idea si mantenne in vita fino a pochissime giornate dalla fine, tant’è che anche dalla 30° alla 37° partita (pareggio 2-2 contro il Lecce di Corini) gli amaranto non conobbero k.o.

Grazie all’ottimo campionato con la Reggina, Baroni riuscì a riscattarsi dopo le negative esperienze con Frosinone e Cremonese. Rimettendosi in gioco, e conquistando ampiamente l’obiettivo salvezza, Baroni si è guadagnato le mire di Pantaleo Corvino e del Lecce. Il ritorno in una piazza già apprezzata da calciatore ha distolto il tecnico dalle proposte di rinnovo, biennale, giunte dallo Stretto. Ora, a pochi mesi dallo strappo, l’allenatore incontra ancora la Reggina da avversario tra le mura amiche del Via del Mare.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da Approfondimenti