Resta in contatto

Bacheca del Tifoso

SONDAGGIO – Pallone d’oro giallorosso, chi è stato il miglior calciatore del Lecce 2021?

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno vi chiediamo di eleggere l’uomo del 2021 del Lecce. Tra battaglie per conquistare una Serie A sfuggita sul più bello e nuovo corso, scorriamo l’apporto degli interpreti simbolo.

LE NOMINATION.

Gabriel – Il portierone giallorosso è stato l’ultimo ad arrendersi in una retroguardia che, con Corini, barcollava un po’ troppo. La nuova stagione lo ha visto su livelli altissimi, spesso protagonista e decisivo nei match più tirati.

Maggio – Tra i migliori in assoluto del girone di ritorno della scorsa stagione, il suo innesto nel mercato di riparazione ha segnato una netta crescita in una difesa troppo spesso colabrodo. Quasi quarant’anni ma la freschezza di un ragazzino autore anche di gol pesanti.

Lucioni – Passato da vicecapitano a capitano, l’aumento di grado gli ha fatto più che bene. Così si è messo alle spalle un inizio anno solare balbettante come pressoché tutti i colleghi di reparto e grazie a Baroni è tornato in cattedra a suon di prestazioni rocciose.

Meccariello – Una candidatura ad honorem per salutarlo, ma fino ad un certo punto. Sia nello scorso campionato che, soprattutto, in quello in corso ha risposto presente quando i titolari mancavano, facendosi apprezzare per impegno e voglia di lottare su ogni pallone.

Gallo – Una delle sorprese del 2021, gettato nella mischia da Corini ha sorpreso sommando buone prestazioni e avvicinando la squadra al grande obiettivo. Quest’anno si sta giocando la maglia da titolare con Barreca alternando buon uscite a qualcuna meno.

Majer – E’ tornato quello che aveva fatto esultare ed esaltare i tifosi con la promozione in A e la salvezza sfiorata. Le sue giocate sopraffine in palleggio, gli assist e ora finalmente anche gli inserimenti in zona gol stanno diventando un fattore nello scacchiere tattico di mister Baroni.

Hjulmand – Arrivato come signor nessuno esattamente un anno fa, ci ha messo nulla a rubare il posto a Tachtsidis e prendersi le chiavi del centrocampo leccese a suon di prestazioni spesso oltre il limite della perfezione. Dopo l’esperimento sulla mezzala è tornato lì nel mezzo, dove è solito esaltarsi e lottare come un gladiatore risultando uno dei pezzi pregiati della rosa giallorossa soprattutto in ottica futuro.

Henderson – Metà anno solare prima di un balzo in Serie A che sta dimostrando di meritare con l’Empoli. Sulla trequarti era una certezza per Corini ed è sua la firma sull’ultimo illusorio successo della passata stagione, quello di Vicenza.

Bjorkengren – Fa parte del novero dei giovani terribili che hanno svoltato la stagione passata del Lecce. Ha dimostrato una continuità straordinaria scalando le gerarchie, oggi è un vice Gargiulo che, quando chiamato in causa, non delude praticamente mai.

Mancosu – Una menzione che farà discutere ma che ci sta per l’ex capitano e detentore del Pallone d’Oro giallorosso. Che, al netto dell’errore dal dischetto con il Venezia e dell’assenza primaverile per curarsi ha fatto spesso il suo in particolare con Empoli, Cosenza e nel doppio confronto con la Reggina di Baroni.

Rodriguez – Se si esclude la puntatina natalizia con il Vicenza, è il 2021 l’anno in cui il Lecce ha conosciuto il tesoretto Pablito. L’uragano canario si è abbattuto sull’Empoli, confermandosi con Brescia, Cremonese e Frosinone, mentre il cambio di modulo attuale ne ha limitato la crescita anche se c’è il suo piede nel successo-svolta con l’Alessandria.

Strefezza – Il colpaccio del mercato estivo targato Corvino-Trinchera ha già fatto impazzire i suoi nuovi tifosi. Numeri da bomber puro, gol bellissimi ma anche assist che hanno consentito al Lecce di piazzarsi presto nei primi posti della classifica.

Di Mariano – Ha avuto un impatto anche migliore di quello di Strefezza ed è bastato poco per capire che a Lecce era tornato un top player per la categoria. Poi ha perso la via del gol e un po’ di freschezza, normali conseguenze di quando si accelera a lungo.

Coda – Non si può sbagliare bomber disse il Corvo, ed il 9 di Cava de’ Tirreni a cavallo tra le due stagioni non ha certo perso il vizio del gol. Il cambio di modulo gli porta certamente qualche fatica in più e gli infortuni ne sono una fisiologica conseguenza, ma quando è in condizione è continuo e devastante.

Questa votazione è terminata (da 17 giorni).

Chi è stato il miglior giocatore del Lecce nel 2021?

Coda
45.75%
Strefezza
18.16%
Hjulmand
16.78%
Lucioni
4.37%
Rodriguez
3.91%
Gabriel
2.99%
Meccariello
1.84%
Mancosu
1.61%
Majer
1.38%
Di Mariano
0.92%
Bjorkengren
0.92%
Henderson
0.69%
Gallo
0.46%
Maggio
0.23%
13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da Bacheca del Tifoso