Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

La A e le sue maglie – Atalanta, il vestito della Dea figlio di una fusione

Settima puntata della nostra rubrica dedicata, tra storia e presente, all’emblema per eccellenza di ogni club del massimo campionato: la maglia da gioco. Oggi tocca all’Atalanta.

Il nostro viaggio cromatico ed iconico nelle maglie della Serie A continua con la prossima avversaria del Lecce, l’Atalanta. La Dea ha fatto del nerazzurro il suo vestito ufficiale ma più cambiato. Anche se, alle origini, le cose sono andate un po’ diversamente.

All’epoca della fondazione, nel 1907, i colori sociali della Società Ginnastica Atalanta di Bergamo erano infatti il bianco ed il nero. Nulla a che vedere con quelli della città, che sono il giallo ed il rosso, ma probabilmente derivati dal fatto che le divise di quel colore erano le più semplici da reperire all’epoca. E sarà bianconero fino al 1920, quando avviene la fusione con la Bergamasca Calcio che porterà alla nascita effettiva dell’attuale sodalizio. La Bergamasca vantava un completo biancazzurro, così si decise di mettere da parte il bianco comune per dar vita ad un nerazzurro rimasto intoccabile.

La nuova uniforme vide la luce per la prima volta nel 1923 e prevedeva una livrea a metà, con calzoncini e calzettoni neri. Solo due anni dopo, poi, debuttò la maglia dell’Atalanta così come la vediamo tutt’oggi, ovvero a strisce sottili nerazzurre. Questa è mutata per pochissimi dettagli, passando dai pantaloncini azzurri tipici degli anni ottanta (fu così anche per Pisa e Inter) e quelli bianchi dell’88 nella storica semifinale di Coppa delle Coppe ripetuti ad inizio anni duemila. Solo nelle stagioni recenti c’è stato qualche esperimento particolare, dalle bande tornate larghe, alle sfumature su sfondo nero, allo skyline di Bergamo fino agli inserti oro dell’anno scorso.

Grande tradizione anche per la divisa da trasferta, praticamente sempre bianca con inserti nerazzurri. Nell’ultimo ventennio però l’Atalanta si è mostrata come una delle squadre più vogliose di osare in termini di esperimenti, non tanto per quanto riguarda le tipologie di terze maglie (si va dal celeste, al verde al rosso) quanto per idee particolari come la Christmas Edition ripetuta in più occasioni.

E andiamo al presente: stavolta Joma ha puntato su una versione più classicheggiante rispetto a quelle recentemente prodotte, e la divisa casalinga registra una maglia nerazzurra a strisce di grandezza media senza particolari inserti. Come particolarità si registrano solo i motivi bicolori su bordomanica e colletto a v. Sulla maglia da trasferta, bianca con spalle a metà nerazzurre, spicca al posto dello stemma societario una Dea dorata che corre. Il third kit è invece un omaggio al Gewiss Stadium, la cui facciata è presente in rilievo sulla parte anteriore di una maglia turchese con inserti nerazzurri.

QUI la puntata dedicata all’Inter

QUI la puntata dedicata all’Empoli

QUI la puntata dedicata al Monza

QUI la puntata dedicata alla Cremonese

QUI la puntata dedicata alla Fiorentina

QUI la puntata dedicata alla Juventus

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Sondaggio sul mercato invernale: due terzi dei lettori promuovono Corvino e Trinchera

Ultimo commento: "RAGAZZI TRA TUTTI I COMMENTI NEGATIVI C'E' SEMPRE LA STESSA PERSONA, CHE PURTROPPO E' OSSESSIONATO DAl SALENTO IN TERMINI DI INVIDIA,PASSA LE GIORNATE..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Rubriche