Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Liguori a CL: “Sostenibilità parola d’ordine. Corvino top al mondo, e sulle maglie…”

Il vicepresidente del Lecce ha affrontato molti temi relativi alla squadra in vista dell’inizio della prossima stagione in una lunga intervista. Qui la versione integrale


In questi giorni ha raggiunto il ritiro di Folgaria per stare vicino ai ragazzi. Che impressioni ha avuto assistendo agli allenamenti?

“Ho visto innanzitutto un clima positivo e sereno, è importante. All’inizio, quando arrivi, ti aspetti un po’ un gruppo chiuso, sulle sue. A partire dallo staff tecnico ho notato attenzione al lavoro e serenità di fondo. Mi ha colpito questo. Il clima era sereno, si percepiva positività. Non c’era ossessione per il mercato, chi arriva e chi non arriva. I pezzi pregiati come Baschirotto. Non c’è nessun caso di calciatori scontenti. Si era in tanti, e non è scontato avere nessun calciatore scontento in un gruppo così ampio. Ho visto tanta integrazione. Ovviamente c’erano i ragazzi della Primavera, molto giovani, ma va detto anche che i calciatori della prima squadra non sono più grandi dei giovani. C’era un clima di grande rispetto, amicizia fra i calciatori, anche con i componenti della Primavera. Un clima da 10 e lode”.

Il Lecce chiuderà la preparazione a Cadice giocando la 69°edizione del Trofeo Carranza…

“Io mancherò a causa di un impegno già preso. E’ importante giocare amichevoli di prestigio, affronteremo una squadra di Serie A e vedremo il nostro livello raggiunto a una settimana dalle competizioni ufficiali in un bel palcoscenico”

Come giudica l’andamento della campagna abbonamenti?

“L’andamento è quello che volevamo. Sapevamo di avere una partenza lenta, voluta. Abbiamo scaglionato l’affluenza allo stadio, abbiamo denotato che i nostri tifosi preferiscono fare l’abbonamento allo stadio. Oggi online in un minuto si può fare e si stampa tutto, ma su 9000 abbonamenti fatti, credo domenica arriveremo a 10mila, solo 1000 sono stati fatti online. I tifosi preferiscono andare allo stadio, parlare con lo staff coordinato da Angelica De Mitri, questo è un segnale ulteriore segnale di quanto viene apprezzato il servizio offerto dall’Us Lecce e la passione messa dai nostri addetti. Sono positivo, c’è stata un’accelerata in questa settimana, stiamo viaggiando a una media di 1000 al giorno e nell’ultima settimana sono 600-700. Martedì saremo a 11-12mila. Secondo me arriveremo al record, la campagna abbonamenti è impostata su 20mila sottoscrizioni. Questo perché ci sono le partite di cartello dove abbiamo messo dei prezzi molto alti, lo facciamo per non danneggiare i nostri tifosi abbonati e dare un valore forte a chi anziché venire a vedere il Lecce viene a vedere al Via del Mare la Juventus, il Milan, l’Inter”.

Tra le migliorie che il Lecce adotterà c’è il centro sportivo di proprietà. A che punto è il progetto?

“Sono cose che dobbiamo fare. Se ne sta occupando il presidente ed è giusto che gli step del progetto gli comunichi lui. Stiamo lavorando sicuramente”

Quest’anno le maglie sono state presentate in Piazza Sant’Oronzo, in modo inedito rispetto al solito. Rivedremo pantaloncini blu e calzettoni rossi come al solito? E poi, la presentazione della casacca dedicata a Lorusso e Pezzella escluderà l’appuntamento con la maglia storica a marzo?

“Sì dovrebbe essere così. La prima maglia contiene la sciarpata giallorossa, la seconda è molto elegante e abbiamo due versioni della terza, rossa. C’è la versione con lo scudetto Primavera, per omaggiare i nostri ragazzi, e poi la dedica per Ciro e Michele, che useremo a dicembre in occasione dell’anniversario della loro morte. Io credo che faremo anche una quinta maglia, storica, da usare a marzo. Ci stiamo ragionando”

Cosa ne pensa dei primi giorni di lavoro con Roberto D’Aversa?

“E’ una persona molto tranquilla, discreta, pragmatica. Ha concetti, ho visto belle giocate e belle verticalizzazioni. Mi è piaciuta la partita contro il Padova, specialmente il primo tempo. E’ presto, ancora non lo conosco bene, ma sono molto ottimista”

Terzo anno in A per l’Unione Sportiva Lecce guidata dalla vostra gestione. A livello societario, qual è lo step di crescita che il Lecce vorrà intraprendere quest’anno per confrontarsi al meglio con l’università del calcio italiano?

“Ogni anno in più in A ti consente di aggiungere un pezzetto sotto vari punti di vista. Consolidare il club, rinforzare la squadra, migliorare le strutture. E’ chiaro, quanti più anni si sta in Serie A, più si facilita, si anticipa il tempo necessario per strutturare e consolidare al meglio la società. Le retrocessioni in B sono incidenti di percorso che allungano i tempi. Se non fossimo retrocessi nel 2020 oggi avremmo già il centro sportivo. Ci apprestiamo al campionato con grande rispetto, giocheremo contro squadroni e sarà una Serie A diversa, con neopromosse anomale. Cagliari e Genoa sono compagini strutturate negli ultimi 15 anni e sarà un torneo particolare. Anche il Frosinone conosce il campionato, ci sono Salernitana ed Empoli. L’asticella è più alta rispetto allo scorso anno. Dobbiamo sopperire allo strapotere economico di altri club attraverso idee e intuizioni. Ogni volta alla vigilia siamo i maggiori indiziati alla retrocessione. Quest’anno non abbiamo solo esordienti, i calciatori hanno nelle gambe e nella testa un torneo di A. Sono stati fatti acquisti mirati, frutto di un lavoro attentissimo di Corvino e Trinchera. Rafia sta dimostrando di essere un ottimo giocatore, Almqvist ha una velocità impressionante, ora è arrivato anche Falcone, Venuti ha esperienza in Italia e Europa, non è l’ultimo arrivato e ha già giocato con noi. Pongracic è stata un’operazione pazzesca a partire dal mancato riscatto a fine campionato. Parliamo di un livello altissimo da parte dei nostri direttori sportivi, questo è il nostro fiore all’occhiello e lo sfruttiamo al massimo. Un mio pallino è Banda, quest’anno si confermerà e migliorerà. Ne vedremo delle belle con lui quest’anno”.

In Serie A ritroveremo da avversario Mauro Meluso, direttore sportivo del Napoli…

“Preferisco guardare in casa mia, non amo guardare in casa degli altri. So di avere in casa il numero 1 dei direttori sportivi del mondo. L’abbinata Corvino-Trinchera è pazzesca. Da un lato Pantaleo è concentrato su operazioni di mercato, Stefano lo supporta e fa da trait d’union con il campo. Avere sul campo quotidianamente una figura come Trinchera è un vantaggio enorme. Guardo quello che di buono abbiamo noi, e noi abbiamo il top”.

L’anno prossimo il Lecce si affaccerà all’Europa. Lo scudetto Primavera permetterà la partecipazione alla Youth League. L’attenzione al settore giovanile comincia a far nascere dei frutti.

“Questo è un altro obiettivo raggiunto, inimmaginabile anni fa. . Essere entrati nell’UEFA è un altro segnale distintivo che ci portiamo a casa, frutto del lavoro di Corvino. Abbiamo conquistato la Primavera 1, ci siamo salvati e poi abbiamo vinto il campionato. Ora facciamo anche l’Europa. La cosa importante, che pochi mettono in evidenza, è consolidare il circolo virtuoso di sostenibilità. Mi spiego. Tra qualche anno chi non avrà bilanci e organizzazioni sostenibili secondo me non andrà molto avanti in tutti i settori, a maggior ragione nel calcio. Dal settore giovanile troviamo elementi per la prima squadra, l’anno scorso siamo partiti con Gonzalez, quest’anno vedrete che saranno più di uno. Più ci consolideremo, più questo fenomeno sarà principale”

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
unodellanord1987
unodellanord1987
8 mesi fa

AVANTI LECCE, AVANTI SALENTO! ❤️💛

Alessandro
Alessandro
8 mesi fa

Avanti Lecceeeeeee

Lupo Alberto
Lupo Alberto
8 mesi fa

Forza Salento siamo a quota 10000…. Avanti Lecce!

Articoli correlati

Pontus Almqvist si è raccontato a 360°, dal passato tra Svezia e Thailandia al presente...
Abbiamo dialogato con l'ex allenatore giallorosso, attore protagonista delle prime due salvezze della gestione tecnica...

Dal Network

Parla l'attaccante: "Finalmente un gol davanti al nostro pubblico! Adesso sto bene, posso dare tanto...
Sotto la gestione del tecnico ex Crotone gli azzurri toscani hanno recuperato molti punti nei...
Termina con un esonero l'esperienza del tecnico bresciano al Renzo Barbera...

Altre notizie

Calcio Lecce