Resta in contatto

Approfondimenti

Gallo, la giovane freccia palermitana

antonino gallo

Il classe 2000 sbarca alla corte di Liverani dopo lo svincolo d’ufficio dal Palermo. Conosciamo l’interessante profilo scelto da Meluso.

Antonino Gallo è finalmente un giocatore del Lecce. La trattativa si è conclusa nella giornata di oggi dopo lo svincolo d’ufficio disposto dalla FIGC per tutti i tesserati del Palermo, escluso dalla prossima Serie B dopo la mancata iscrizione. Il giovane era uno dei prospetti più interessanti del vivaio rosanero. Ora ci saranno le ultime battute di ritiro agli ordini di Fabio Liverani e poi si deciderà il futuro, se sarà nel gruppo della prima squadra o in prestito, magari in Serie B. Il Venezia aveva già effettuato una richiesta informazioni.

GLI INIZI. Come per molti terzini a spiccate doti offensive, la parabola calcistica nasce da ala. Il piede mancino fa gola a molti allenatori dei settori giovanili palermitani, ma non arriva un’univoca collocazione tattica. Gallo passa dai campi polverosi della provincia al Città di Palermo, sogno di ogni ragazzino tra il mercato di Ballarò e le strade di Brancaccio e Sferracavallo.

TRATTI. Ma in quale posizione? Si tenta la soluzione ala destra, in modo da sfruttare il rientro sul sinistro in zona tiro o cross vincente. Andando avanti con gli anni, però, si privilegia la collocazione sull’out mancino per guadagnare in propulsione. Il picciotto cresce e le buone prestazioni si susseguono per la felicità dei tecnici.

CAMBI. Da ala, poi, si arretra a laterale di difesa. Conseguenza e percorso di molti prospetti, adattati vuoi per esigenze tattiche vuoi per prospettiva di trasferimento nelle serie minori dove, con la regola degli under, le fasce sono spesso mercé dei giovanissimi. Gallo si adatta nel quartetto difensivo, apprende i movimenti e si costruisce una sicurezza che lo fa esplodere.

PUPILLO. Nell’estate del 2017, le sirene della Roma volevano portarlo via dalla Sicilia. Ad Alberto De Rossi, storica guida tecnica della cantera romanista, serviva un buon terzino per il doppio impegno campionato Primavera-Youth League, ma non se ne fece nulla. Il Palermo blindò il suo talentino legandolo al progetto tattico di Giuseppe Scurto, che ai nostri microfoni lo ha definito “il miglior prodotto del settore giovanile” (leggi qui l’intervista).

ULTIMO ANNO. Il campionato scorso è l’esaltazione della strada fatta finora. Antonino Gallo colleziona 20 presenze per un totale di 1797 minuti e dimostra la sua animosità offensiva con uno score interessante: 5 reti e 2 assist. Le vicende societarie del Palermo, sballottolato tra Zamparini e Arkus Network, lo hanno costretto al trasferimento per continuare a inseguire il sogno di diventare pro. Ora c’è il Lecce. Il tempo di pensare è finito. Gallo ha una fascia da percorrere per dire la sua.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti