Resta in contatto

News

Imbula: “Ho una gran fame di riscatto. La passione di Lecce è ciò che mi serve”

Prime parole giallorosse per Giannelli Imbula, presentato ufficialmente pochi minuti fa come nuovo centrocampista del Lecce.

RISCATTO. “Conoscevo il campionato italiano, dopo i primi contatti ho iniziato a leggere di questa piazza e ho visto che c’è grande passione, ciò che mi serve. In Inghilterra ho avuto qualche difficoltà ma sono convinto che il mio stile gioco si può adattare bene a quello che è il calcio italiano. Spero possa essere diverso qui rispetto a quanto è stato a Stoke”.

FORMA FISICA. “Mi piacerebbe giocare tutte le partite, sicuramente devo trovare la condizione migliore. Avrò bisogno di circa dieci giorni, allo Stoke ho lavorato con un preparatore personale, in sede separata rispetto al resto della squadra”.

RUOLO. “Amo giocare nel 4-3-3 o nel 4-3-1-2, in un ruolo più centrale ma anche come mezzala sia a destra che sinistra. Come numero maglia ho scelto l’85, l’anno di nascita di mio fratello scomparso”.

VICINO ALL’ITALIA. “Il Lecce non è il primo club italiano che mi ha cercato. Cinque anni fa sono stato vicino all’Inter,e due anni ci provò invece il Torino. Anche quest’estate ci sono state società che si sono fatte avanti, su tutte Bologna e Udinese.

ALLENATORI.  “Tra i vari tecnici con cui ho lavorato, mi sono trovato molto bene con Marcelo Bielsa. Sono contento della sua stima, che è reciproca. Sicuramente nella mia carriera è stato importantissimo ai fini della mia crescita il mio promo allenatore al Guingamp, mister Gorbenech.

INTER. “Ho assistito con grande interesse all’esordio in campionato a San Siro. Credo che noi abbiamo giocato una buona gara. E’ difficile giocare contro l’Inter già alla prima giornata, soprattutto in ottica risultato”.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News