Resta in contatto

Euro 2020

Sterling, il trascinatore inglese ad Euro2020 partito dal nulla ora sogna Beckham

L’uomo del giorno: l’attaccante ha segnato le uniche due reti ai gironi dell’Inghilterra regalando il pass per gli ottavi.

Su una mano il pallone, sull’altra una valigia piena di sogni. Raheem Sterling sta letteralmente trascinando l’Inghilterra ad Euro 2020. La sua è una di quelle storie partite da lontano ma soprattutto dal nulla. Nato in Giamaica, suo padre fu assassinato quando lui aveva due anni e la madre lo lasciò con la nonna e la sorellina partendo per la Gran Bretagna con l’obiettivo di regalare una vita migliore ai figli. Quando pioveva a Kingston, Sterling usciva a giocare a calcio tra le pozzanghere insieme agli amici. Quelle corse, quei passaggi e quei dribbling se li portò in Inghilterra dove si trasferì all’età di cinque anni. Di studiare non ne voleva sapere, tantomeno di ascoltare gli insegnanti. Così lui che voleva solo uscire a calciare quel pallone che era diventato il suo migliore amico, sognando un giorno di seguire le orme del suo idolo Ronaldinho, venne cacciato dalla scuola. Ma gli sforzi della madre, che faceva le pulizie in hotel e studiava all’università, e i sacrifici della sorella, che quando lo chiamò il QPR gli faceva compagnia sugli autobus verso gli allenamenti partendo alle 3 del pomeriggio e tornando alle 11 di sera, lo fecero rimettere in riga.

Non voleva sprecare quanto gli altri stavano facendo per lui. Non voleva buttare al vento una carriera sul nascere. Così le gioie più grandi le ottenne segnando una doppietta con la nazionale under 16 due mesi dopo che un professore gli aveva pronosticato che non sarebbe mai diventato un calciatore. Quel senso di rivalsa verso chi non avrebbe puntato un centesimo sul giovane Raheem misto al senso di gratitudine verso chi per vederlo realizzato  invece aveva sacrificato la sua vita, lo spinsero a far avverare quei sogni. Sterling vive grazie al calcio, sua madre e sua sorella ora hanno una vita molto più tranquilla. Prima gli anni a Liverpool, poi quelli a Manchester dove con il City ha vinto tre campionati inglesi. Ora l’Inghilterra che gli ha dato lo spazio e il tempo per realizzare la propria fortuna ne trae i frutti. Il gol alla Croazia, quello alla Repubblica Ceca. Ha segnato le uniche due reti della Nazionale d’oltre Manica, ma tanto è bastato a strappare con un squadra tutt’altro che impeccabile il pass per gli ottavi come primi nel girone. Ora, dopo le 16 reti con la maglia dei tre leoni, fissa l’obiettivo di superare David Beckham, fermo a 17. Sognando Beckham, l’ennesimo traguardo di una carriera da urlo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Euro 2020