Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gotti, l’equilibratore Robin che diventa Batman a Udine. A Lecce per un doppio riscatto

A Udine, Gotti si ritrovò improvvisamente a guidare la prima squadra dopo l'esonero di Tudor. Due salvezze rappresentano sinora i successi individuali in carriera, non replicati l'anno scorso allo Spezia.

Qui l’approfondimento sulla prima parte della carriera di Luca Gotti

CHIAMATA. Due mesi dopo la fine della collaborazione con Donadoni, si apre un nuovo e focale capitolo professionale. Maurizio Sarri chiama Luca Gotti per inserirlo nello staff del Chelsea nelle vesti di collaboratore tecnico. Agli annali resterà la vittoria dell’Europa League, ma per Gotti lavorare a Stamford Bridge con l’oggi allenatore della Lazio è arricchimento professionale. “Sarri è un ossimoro vivente. Fa convivere un’intelligenza estremamente raffinata con momenti di chiusura totale, in cui reagisce solo di pancia –raccontò Gotti a riguardo in un intervista-Dal punto di vista professionale lo definirei un estremista concettuale. Mette continuamente alla prova le tue convinzioni passate e ti sprona ad aggiornarle. Il nostro è stato un rapporto pieno, anche in quel piccolo spazio che Maurizio riserva a ciò che sta fuori dal calcio. Lui ideologicamente a sinistra, io dalla parte opposta. Eppure a volte ci siamo trovati a litigare da posizioni invertite, chiudendo tutto con una crassa risata”.

RIMPIANTO JUVE. Il ritorno in Serie A di Maurizio Sarri, sulla panchina della Juventus per l’annata 2019/2020, potrebbe essere un’altra legittimazione per Gotti, ma il toscano sceglie Martusciello come vice. Luca attese una chiamata alla Juventus che non arrivò. Fu sorpreso, come parte dello staff del Chelsea, ma la promessa di Sarri a Martusciello una volta tornata in Italia fu mantenuta. Da lì, l’Udinese colse la palla al balzo, e, su richiesta di Igor Tudor, inserì Gotti nell’organigramma ai nastri di partenza della stagione 2019/2020.

RIBALTA SERIE A. Quattro sconfitte di fila costano la panchina a Tudor dopo 11 giornate. La decisione fu ufficializzata dopo la partita del 30 ottobre 2019, quando l’Udinese perse 0-4 contro la Roma. Gotti riceve inizialmente l’incarico di allenatore ad interim e vince all’esordio in casa del Genoa. A Udine, nell’inverno del 2020, prima del lockdown, si ammirava una squadra che non giocava così bene dai tempi di Guidolin (vittoria anche a Lecce con gol nel finale di De Paul) nonostante…Gotti non la volesse allenare. “La verità è che la mia intenzione sarebbe di non andare da nessuna parte, spero di rimanere dentro lo stesso spogliatoio con il ruolo che mi compete. Io tecnico titolare? Non succederà, mi sono messo a disposizione della società per trovare la soluzione migliore senza urgenza”, così Gotti parlava davanti alle telecamere dopo il pareggio contro la SPAL. L’umiltà e l’enorme preparazione però convinsero Pierpaolo Marino. La soluzione migliore era proprio Gotti, garante dell’equilibrio della squadra condotta alla salvezza nell’anno del lockdown.

CALCIO INNOVATIVO. I tempi stretti tra la stagione 2019/2020 e 2020/2021 e la ricerca di continuità responsabilizzarono forzatamente Gotti. Ad Udine, il tecnico ha proposto (sue parole) “un calcio fuori dalla Prima Repubblica”, dove l’obiettivo doveva andare al di là dell’accontentarsi e ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo e allegato obbligo di spremere ogni goccia di energia in tutte le gare. Dietro alla compattezza della sua Udinese c’è un atteggiamento propositivo. Gotti è stato bravo a capitalizzare i punti di forza dei suoi calciatori, strutturati fisicamente. I lanci del portiere verso la punta, sorretta da una seconda punta pronta ad attaccare lo spazio (Piccoli o invenzione Banda?) servono a costruire spazi da aggredire e cross, mentre è focale l’apporto tecnico delle mezzali (De Paul e Pereyra punti di forza dell’Udinese di Gotti).

SALVEZZA BIS. Nel secondo anno di Gotti a Udine, le Zebrette chiudono al 14°posto e la squadra, con tra i migliori Molina, Arslan oltre ai già menzionati De Paul e Pereyra, porta a casa la pagnotta senza una punta di peso (capocannoniere De Paul a 9) e dopo un inizio di stagione in zona rossa in cui si produceva tanto senza concretizzare. E’ la seconda stagione positiva per l’ex vice diventato Batman dopo una vita desiderata a voler essere Robin. Al supereroe non viene assegnata la terza missione, e anzi il destino si ribalta. Nel 2021/2022, dopo un inizio positivo e l’esplosione di Beto in attesa della crescita di Deulofeu, una sola vittoria in 12 gare induce l’Udinese a un altro cambio sull’onda della continuità. Al posto di Gotti…va il vice Gabriele Cioffi, rientrato quest’anno in bianconero al posto di Sottil.

SPEZIA. Il 3-5-2 è il dogma di Luca Gotti allo Spezia, dove sbarca per centrare la terza salvezza e subentrare a Thiago Motta. Nonostante i 13 gol di Mbala Nzola e un posizionamento sempre sopra le ultime tre, dal giro di boa in poi i liguri cadono verticalmente. Dopo nove punti in cinque gare tra la 13° e la 18°, lo Spezia incappa in un tris di sconfitte che il 2-2 (subito con gol di Vignato al 94’) ad Empoli nella partita seguente induce la direzione tecnica al cambio di marcia tra Gotti e Semplici, profilo valutato dal Lecce proprio insieme a lui nelle ore successive all’esonero di D’Aversa. La mossa si rivelerà vana perché lo Spezia, nonostante due vittorie in casa contro Inter e Milan, lascerà la Serie A dopo lo spareggio perso con il Verona.

MODELLI E PIETRE MILIARI. Dal Mar Ligure al Salento bagnato da Adriatico e Ionio, riprende la carriera di Gotti. L’ideale sportivo di mister Luca è Alex Zanardi. Al di là del modulo da scegliere, l’obiettivo è il risultato, che non deve diventare un’ossessione, altrimenti le prestazioni si alterano. L’aria della Premier League vissuta con Sarri aiuta: lo sportivo ha l’obbligo di dare il massimo, la vittoria o meno è una conseguenza. Allo studioso mister non mancano i concetti. Spogliatoio, calciatori in campo e fan hanno bisogno di una guida sicura e carismatica. Gotti ha percorso la strada del lavoro, della tanta umiltà e dei contenuti per sfoggiare il carisma, valore che, da dizionario, genera un’influenza indiscutibile e generalizzata su altri. Carisma, al giorno d’oggi, erroneamente è collegato a prepotenza e quasi soggezione. Il lavoro e il percorso del “professor” Gotti restituiscono il significato originario del termine. Il Via del Mare, popolato dalla tifoseria più numerosa e calda sinora allenata, dovrà essere la sua aula magna.

Qui invece la conferenza stampa di presentazione a Lecce.

Subscribe
Notificami
guest

20 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dobbiamo diventare cinici e furbi e sfruttare gli spazi visto che abbiamo uomini veloci. Le teorie sofisticate lasciamole agli altri.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Comunque a prescindere in queste gare che restano un allenatore come lui serviva per dare un po’ di tranquillità alla squadra e speriamo anche nei risultati

Core presciatu UL 🇪🇦
Core presciatu UL 🇪🇦
1 mese fa

Dai Mister siamo con te… Sabato all’Arechi cu Lu core presciatu!

LecceMeraviglia
LecceMeraviglia
1 mese fa

Buon lavoro mister uniti, compAtti si vince e vinceremo!!!!! Forza mio Magico Lecce Avanti tuttAAAAAA 💛 ❤️

0833
0833
1 mese fa

Benvenuto mister.
Buon lavoro 💛❤️

Franco
Franco
1 mese fa

Onorate e lottate per i colori del Salento

20230610_190919
Core presciatu UL 🇪🇦
Core presciatu UL 🇪🇦
1 mese fa
Reply to  Franco

Leva stu cacaturu te stemma! Porta sfiga, ogni fiata ca l’hai misu amu persu… Levalu e sparisci, tie e quiddu!!!

Franco
Franco
1 mese fa

Questo è il simbolo del Salento, sciacquati la bocca barese quando disonori i nostri colori

Vito
Vito
1 mese fa

Dai ragazzi fino alla fine siamo con voi lottate e abbiate fiducia in voi noi ci siamo 💪

Massimo
Massimo
1 mese fa

Forza Mister forza ragazzi siete più forti di tante squadre dovete solo dimostrarlo noi abbiamo fiducia in voi
Avanti Lecce, avanti Salento 💛❤

Core presciatu UL 🇪🇦
Core presciatu UL 🇪🇦
1 mese fa
Reply to  Massimo

E la bolgia?… E li 32mila? ah ah ah

Massimo
Massimo
1 mese fa

Ma cittu Barese che state andando in C, noi ci siamo sempre e la bolgia i 32000 ci sono stati anche domenica e ci saremo sempre…..vai a scrivere su napoli B Calcio per favore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Speriamo stimoli personali, stimoli all’ambiente, risultati concreti.

Antonio
Antonio
1 mese fa

Concordo……

AVANTI LECCE!
AVANTI LECCE!
1 mese fa

NON MOLLEREMO MAI! ❤️💛

Ucciu la conza
Ucciu la conza
1 mese fa

Amu bitere disse Lu cecatu.

Luigi 77
Luigi 77
1 mese fa

Mister, non ti far condizionare dal ds

SETTIMO
SETTIMO
1 mese fa
Reply to  Luigi 77

ma perche devi fare il buffone anche in questi momenti? Non ha preso un tuo parente a lavorare? Ti hanno bocciato qualcuno a un provino? Basta far polemiche adesso oppure stai a casa e segui il Bari

Luigi 77
Luigi 77
1 mese fa
Reply to  SETTIMO

Ottavo o Settimo comu azz.. te chiami, lecchino nascisti e lecchino morì. Va fatica invece cu stai a casa!

Vittorio
Vittorio
1 mese fa

Vai mister!!!tutti uniti ora

Articoli correlati

"Gotti avrà dalla propria parte la tranquillità che deriva dai risultati positivi ottenuti in tre...
Le parole dell'ex: "Anche nei miei anni i tifosi furono speciali e determinanti"...

Dal Network

Il centrocampista equatoguineano ha parlato dell'importante match in programma domenica contro la squadra di Luca...
Piove sul bagnato in casa Salernitana, prossima alla retrocessione in B dopo una stagione disgraziata:...
L'ex portiere, tra le altre di Chievo Verona e Palermo, ha detto la sua sulla...

Altre notizie

Calcio Lecce