Resta in contatto

Rubriche

La B e le sue maglie – Salernitana, dai colori del mare e del cielo al granata “per distinguersi”

Sedicesima puntata della nostra rubrica dedicata, tra storia e presente, all’emblema per eccellenza di ogni club del campionato cadetto: la maglia da gioco. Oggi tocca alla Salernitana.

Il nostro viaggio cromatico ed iconico nelle maglie della Serie B prosegue con la prossima avversaria del Lecce, la Salernitana. Il club campano è tra quelli che vantano il maggior seguito nel meridione e non solo, questo nonostante siano, tra le società del sud arrivate almeno una volta in A, quella che ci è rimasta di meno (2 anni, come il Benevento). Legatissimi alla propria tradizione sono i tifosi dell’Ippocampo, una tradizione che, come spesso abbiamo visto nelle precedenti puntate, ha registrato un cambiamento nella tinta caratterizzante la divisa societaria.

colori sociali dell’US Salernitana al momento della sua fondazione erano infatti il bianco ed il celeste, e così rimasero per tre stagioni. I motivi della scelta sono oggetto di disputa. L’ipotesi più accreditata vorrebbe dietro la decisione quella di onorare i colori del mare e del cielo, usanza tipica in quei tempi per i club di città marittime. L’alternativa, più profana, è che il presidente Adalgisio Onesti semplicemente riuscì a rimediare appena dieci divise di quel colore.

La prima modifica cromatica avvenne nel ’25, in seguito alla fusione con l’SC Audax, altro club cittadino e bianconero. Ne derivò una maglia mixata a strisce verticali nerocelesti, durata anch’essa tre stagioni fino alla prima comparsa, nel biennio 1927/28, del granata, provocato dalla rinascita societaria in seguito a scioglimento. Il granata venne scelto in quanto colore della divisa di uno dei sodalizi che contribuirono alla rinascita della Salernitana, ovvero il Campania FBC.

I nostalgici delle origini, però, fecero presto cambiare idee ai vertici societari, che dal 1929 e fino al 1943 puntarono nuovamente sul biancoceleste in stile Argentina, ma con i calzoncini rigorosamente bianchi. In piena seconda guerra mondiale e in previsione della ripresa dell’attività, il club di Salerno puntò sull’adozione, definitiva da quel punto, del granata. Il perché? Pare che il motivo ufficiale sia stato quello di volersi distinguere dagli altri club, dato che l’attuale colore sociale era, soprattutto in quegli anni, raro da riscontrarsi in particolare nelle realtà del meridione.

Inizialmente gli inserti che accompagnavano i completi salernitani erano bianchi, ma con il tempo si è fatto sempre più largo quel nero che campeggiava su una delle divise utilizzate a inizio anni venti. Così il granata totale è stato sostituito, a partire dagli anni ’90, da un fortunato binomio granata della maglia-nero di pantaloncini e calzettoni. Particolarmente apprezzata è stata la divisa dell’anno del ritorno in Serie A, con il colore predominante interrotto da una banda orizzontale nera all’altezza del petto.

Ad interrompere la tradizione c’è stato soltanto il fallimento del 2011, dopo il quale il neonato Salerno Calcio di Lotito fu costretto a virare sul blaugrana in pieno stile barcelonista. La stagione dopo, con il ritorno tra i professionisti ecco anche il ritorno ai vecchi colori che però, negli anni seguenti, vedranno l’inserimento dello storico celeste per colletti e, a volte (2018/19), dettagli principali del corpo della prima maglia. Celeste che invece è rimasto a lungo utilizzato per seconda e terza maglia al pari bianco e nero.

E andiamo al presente: l’attuale divisa della Salernitana porta una forte ventata di novità rispetto al recente passato. La Zeus è infatti andata sulla voglia di osare qualcosa proponendo una prima maglia solo per metà “classica” in granata totale. Nella parte del petto e ancora poco più giù ecco dei “graffi” neri diagonali a dare un design fresco e di lieve rottura con la tradizione. Stesso dicasi per gli inserti, con il biancoceleste dei bordomanica e del colletto affiancati, come mai prima, all’oro. Sulla stessa falsariga di forte novità il kit da trasferta, caratterizzato dalle strisce sfumate nero/granata su sfondo bianco. La terza maglia, infine, è la versione in negativo della prima, con la sola differenza della scomparsa del biancoceleste in favore di una maggior presenza del dorato.

QUI la puntata dedicata al Pordenone.

QUI la puntata dedicata alla Cremonese.

QUI la puntata dedicata al Pescara.

QUI la puntata dedicata alla Reggiana.

QUI la puntata dedicata al Venezia.

QUI la puntata dedicata al Frosinone.

QUI la puntata dedicata al Pisa.

QUI la puntata dedicata al Vicenza.

QUI la puntata dedicata al Monza.

QUI la puntata dedicata all’Empoli.

QUI la puntata dedicata all’Ascoli.

QUI la puntata dedicata al Brescia.

QUI la puntata dedicata al Cosenza.

QUI la puntata dedicata alla Virtus Entella.

QUI la puntata dedicata al Chievo Verona.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un calciatore esemplare, un campione che avrebbe meritato di più. Purtroppo come regista nella sua Argentina c'era un certo Diego Maradona... ma..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Rubriche